Abbonamenti


Mensile di formazione liturgica e informazione

Proposte



SUSSIDI SCARICABILI
ONLINE!!

Links consigliati




%A



%A

La Mitra (o mitria) fascia, benda per la testa, anche turbante. In origine non era un copricapo vescovile ma delle vergini consecrate o delle abbadesse.
L’uso della mitra è più antico di quello della tiara. La prima testimonianza risale al secolo XI; prima di allora i vescovi non avevano alcun copricapo liturgico, mentre a partire dalla seconda metà del XII secolo la mitra ormai è in uso presso tutti i vescovi. Come per le altre vesti liturgiche, anche la mitra sembra derivare da un modello di copricapo extraliturgico, il camelaucum, usato in Oriente nella vita ordinaria da imperatori e alti funzionari e che il Papa indossava nelle cerimonie fuori dalla chiesa e durante le cavalcate.
M. Righetti nella sua Storia Liturgica (vol I, p 636) accenna a tre tipologie di mitre: la mitra preziosa, smaltata, con gemme, pietre preziose, lamine d’oro o d’argento, portata dal vescovo nelle feste più insigni e nelle benedizioni e processioni solenni; la mitra aurifregiata, senza pietre preziose né altri ornamenti, di seta Bianca e con un leggero ricamo in oro, veniva usata durante l’Avvento e la Quaresima, fatta eccezione delle domeniche Gaudete e Laetare, nelle vigilie, nelle quattro Tempora e nelle processioni penitenziali; la mitra semplice, di seta bianca o di tela di lino bianca con frange rosse, adoperata dal vescovo il venerdì santo, nelle celebrazioni dei defunti, nella benedizione dei ceri il giorno della Presentazione al tempio e nella consegna del pallio a un vescovo neo eletto.
La mitra è oggi formata da due pezzi di stoffa rigida di forma approssimativamente pentagonale, uniti nella parte laterale in modo tale che le due punte superiori siano libere e che nella parte inferior si formi lo spazio per poterla indossare. Presenta anche due strisce di tela nella parte posteriore, detti infule o vitte, che scendono sino alle spalle.



Le novità

F02 T17 - “Rinati in Cristo”

Nella simbolica cristiana antica, il pesce rappresenta il cristiano. Questa interpretazione, secondo i Padri Latini, è dovuta al fatto che “ICHTHYS” è l’anagramma di Gesù Cristo Figlio di Dio Salvatore. Ma d’altra parte il Pesce appare generalmente in un contesto battesimale. Infatti Tertulliano dice: “ma noi piccoli pesci, nasciamo nell’acqua” (Bapt. I,I,3) e Ambrogio: Ti è stato riservato che le acque ti rigenerino con la grazia, come esse hanno generato gli altri (esseri viventi) alla vita terrestre. Imita questo pesce”

(Sacram, III,3).

Login

Ordini

Carrello

Il tuo carrello è vuoto

Ricerca

Offerte

Ceramiche
R03 09/3 - San Paolo
Prezzo: € 42,00 Prezzo: € 27,00 (-35,7%)
R03 09/3 - San Paolo
Vai alla scheda
Statue in legno
R01 0203L - Regina degli Apostoli
Prezzo: € 348,00 Prezzo: € 200,00 (-42,5%)
R01 0203L - Regina degli Apostoli
Vai alla scheda